Al momento stai visualizzando Droni come primi soccorritori in Texas

Droni come primi soccorritori in Texas

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Attività / News
  • Tempo di lettura:3 minuti di lettura

Il dipartimento di polizia di Odessa, nel Texas occidentale, ha ricevuto l’autorizzazione dalla FAA (l’ente omologo di EASA per il nord America) per lanciare il più grande programma di pubblica sicurezza Drone as a First Responder (DFR), ovvero Droni come primi soccorritori in Texas, negli Stati Uniti. Il dipartimento è quindi pronto per condurre un programma pilota della durata di un anno, esplorando i vantaggi di uno sguardo dal cielo durante le attività di ordine pubblico.

Drones as First Responders (DFR)

L’uso di un drone come primo soccorritore è un concetto nuovo ma già di grande successo nella pubblica assistenza, dove un drone viene inviato sul luogo di un incidente segnalato per lo streaming di video in diretta; anche prima che i primi soccorritori sul campo arrivino sulla scena, perché possono avere accesso a dati che consentirebbero loro di prendere decisioni migliori.

Molti dipartimenti di polizia hanno la problematica di non avere abbastanza agenti. Pertanto, questo progetto in Texas vuole porre un’attenzione speciale sulla raccolta e l’analisi dei dati per l’ottimizzazione dell’impiego del personale, nonché sulle implicazioni logistiche della possibilità di cancellare le chiamate con priorità inferiore utilizzando un drone che libera gli agenti per essere pronti a quelle con priorità più alta.

Inizialmente, cinque droni saranno utilizzati nel programma Odessa DFR, dei Knighthawk della Paladin, progettati e certificati per missioni Beyond Visual Line of Sight (BVLOS) con un raggio d’azione di 3 miglia ed autonomia di 55 minuti con trasmissione continua in streaming. Tutti e cinque i droni verranno pilotati da un computer nel quartier generale della polizia, trasmettendo feed video in diretta anche a Vigili del Fuoco, Croce Rossa, per fornire ai primi soccorritori una migliore consapevolezza della situazione (situation awareness).

La Sorveglianza Aerea Territoriale è da tempo impegnata a sperimentare e ottimizzare tecniche di ricognizione del territorio per raccogliere dati e comprendere le migliori tecniche di ottimizzazione di costi e tempo; farà quindi tesoro dei riscontri di questo progetto per aumentare la sua esperienza di gestione della terza dimensione.

Lascia un commento